Assistenza alla gravidanza

Se la gravidanza è fisiologica, cioè non presenta alcun problema, l’ostetrica può assistere la donna e la coppia in piena autonomia.

L’assistenza ostetrica pone alla base i bisogni e le competenze materne e fetali e ha come scopo principale quello di monitorare e mantenere lo stato di salute di mamma e bambino, senza medicalizzare il percorso nascita.
In caso di sviluppo di problematiche, l’ostetrica è in grado di riconoscerle e di indirizzare la donna ad un medico specialista, senza però smettere di assisterla. In questo caso si avvierà una stretta collaborazione tra ostetrica e specialista.
 

  L’assistenza prevede un primo incontro nelle prime settimane di gravidanza in cui, dopo un’attenta anamnesi, si cercheranno di mettere in luce i bisogni della donna / coppia.
Il colloquio verterà su: il piano di assistenza ostetrica, le tematiche riguardanti la diagnosi prenatale, l’adattamento e l’autoregolazione, le possibilità e le modalità di scelta, gli esami di laboratorio adeguati all’epoca gestazionale e all’anamnesi.

  Il percorso successivo verrà concordato con la donna / coppia in base alle loro esigenze.
Di norma, dalle 12 alle 28 settimane di gravidanza si effettua un controllo ogni mese e mezzo (salvo diverse indicazioni), in cui vengono effettuati i controlli di base, si valuta lo stato di salute materno-fetale e si accolgono i dubbi che sorgono.
Dalle 28 alle 37 settimane gli incontri si fanno più ravvicinati, ogni 4 settimane. In questo periodo oltre ai controlli di base e alla valutazione del benessere materno-fetale si discute la scelta del luogo del parto.

Ogni donna e ogni gravidanza viene comunque seguita e valutata singolarmente, nella sua unicità.

Tutti gli incontri possono essere effettuati anche a domicilio.

 

Per maggiori informazioni potete contattarci qui.